Basilica Parrocchiale S. Maria del Popolo

 

 


 

Basilica Parrocchiale S. Maria del Popolo
Agostiniani – O.S.A.
Piazza del Popolo 12 – 00187 Roma
Tel. (+39)-063610836 / Fax (+39)-063203155

Da questa antica stampa si può vedere Piazza del Popolo come era prima dell’intervento del Valadier; sullo sfondo il Pincio.

 

 

Piazza del Popolo

 

 

La Chiesa di Santa Maria del Popolo vede origine nell’anno 1099, secondo una storia colorita di aspetti leggendari che viene narrata dai bassorilievi posti sull’arco sovrastante l’altare. Dove ora sorge la Chiesa, infatti, affondava le radici un albero di pioppo (in latino Populus) cresciuto proprio sopra la tomba dell’imperatore Nerone, che perseguitò i cristiani a cominciare da San Pietro. Il “popolo” temeva la zona considerandola infestata da spiriti demoniaci evocati dallo scheletro di Nerone, e desiderava che un luogo di culto esorcizzasse la piazza così malfamata. 

Papa Pasquale II, in seguito ad una apparizione della Madonna che in sogno gli chiedeva di edificare un tempio in suo onore, taglia l’albero “infestato” da spiriti malefici e costruisce la prima chiesina,  dedicata alla Madre di Dio e degli uomini, madonna del popolo.

 

Papa Pasquale II taglia l'albero infestato

 

 

Papa Gregorio IX consacra la chiesa gotica e vi porta la maestosa icona bizantina, dal Sancta Sanctorum della Scala Santa del Laterano (1231).

 

Icona bizantina

 

Nel 1256 Papa Alessandro IV  promulga la bolla Licet Ecclesiae catholicae con la quale di fatto fonda l’Ordine di Sant’Agostino, unendo ne “La Grande Unione” diversi ordini eremiti. Il primo capitolo del nascente ordine si celebra a Santa Maria del Popolo, che prima di allora era servita dai frati francescani che in cambio ricevettero l’officiatura dell’Ara Coeli.

 

Bolla Licet Ecclesiae Catholicae

 

La chiesa è parrocchia dal secolo XVI, quando papa Pio IV, con il decreto Sacri apostolatus del 1 genaio 1561 creò la parrocchia di Sant’Andrea nella chiesa di Sant’Andrea del Vignola e la unì in perpetuo alla chiesa agostiniana di piazza del Popolo, i cui monaci dovevano occuparsi della parrocchia. Fu papa Pio V che trasferì la parrocchia nella sua sede attuale. La chiesa, dal 1587, è sede del titolo cardinalizio di Santa Maria del Popolo. Attuale cardinale titolare è mons Stanislao Dziwisz di Cracovia, che fu segretario particolare di papa Giovanni Paolo II. In occasione del suo insediamento, mons. Stanislao donò una bella immagine del beato Giovanni Paolo II che si venera nella cappella di Santa Rita, a fianco alla santa degli impossibili e a Santa Lucia, cui prima del 1900 la cappella era dedicata.

 

Sisto IV (della Rovere) si impegna con tutte le forze ad edificare la nuova, attuale chiesa (1477).

La luminosa facciata (Baccio Pontelli e Meo del Caprina, o Andrea Bregno ?) esprime l’esigenza di chiarezza e semplicita’ propugnata dagli Agostiniani. Sisto V la rende Parrocchia (una delle piu’ antiche di Roma) e la annovera tra le 7 Chiese da visitare per l’Anno Santo, per ottenere l’indulgenza ai pellegrini (in sostituzione di S. Sebastiano, per i periodi piu’ difficili).

Pinturicchio (fine del 1400) lavoro’ moltissimo alla decorazione della chiesa : restano principalmente la Nativita’ e la volta del Coro.

 

Nativita'
Volta del coro (particolare)
Nativita’
Volta del coro (particolare)

 

 

Alessandro VII (Fabio Chigi), gia’ cardinale titolare della chiesa, in piena sintonia col Bernini da’ luce e lustro (con qualche rimpianto) all’ edificio sacro : interno e cappella Chigi (gioiello architettonico di Raffaello Sanzio).

 

Interno
Cappella Chigi
Interno della chiesa
Cappella Chigi

 

 

Caravaggio (1602) vi ha lasciato due capolavori: Crocifissione di S. Pietro e Conversione di Saulo (S. Paolo).

 

Crocifissione di S.Pietro
Conversione di Saulo (S. Paolo)
Crocifissione di S.Pietro
Conversione di Saulo (S. Paolo)

 

 

Bernini e la sua Scuola, sotto Alessandro VII, rinnovarono Roma e S. Maria del Popolo : AbacucCantoria con stemma dei Chigi.

 

Abacuc
Cantoria
Abacuc
Cantoria

 

 

Sansovino (inizi del 1500) : monumento ad Ascanio Sforza.

 

Ascanio Sforza

 




Galleria Agostiniana ~ Orari e feste ~

 Leave a Reply

(required)

(required)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>